Presentazione

Questa sagra è un'occasione festosa che ha origini lontane nel tempo e ha lo scopo di mantenere vive le tradizioni del territorio facendo da cornice alla celebrazione del patrono di Mezzolara, San Michele Arcangelo, che ricorre l'ultima domenica del mese di settembre.

Sin dai suoi esordi, proprio in questa occasione, venivano portati in piazza i prodotti dei campi tra cui le cipolle, vera eccellenza nostrana, alle quali si dedicò, per l'appunto, il nome della sagra.
Era il 1958 quando un comitato di volontari pensò di unire una fiera prettamente agricola legata alla cipolla a eventi di intrattenimento per attirare un pubblico maggiore a Mezzolara. Fu un'idea vincente, che, da allora, ha portato la Fiera ad essere un punto di riferimento importante per il territorio e un momento di aggregazione di grande interesse. E il forte carattere di impegno collettivo e di solidarietà è rimasto immutato nel tempo: l'organizzazione e lo svolgimento della Fiera dipendono dalla Pro Loco di Mezzolara, ma anche e soprattutto dall'apporto di molti volontari.

Gli amanti della cucina locale potranno assaporare le delizie del ricco stand gastronomico (aperto tutte le sere e la domenica anche a pranzo), nella splendida cornice del Parco di Villa Rusconi: accanto ai piatti con la cipolla, come le tagliatelle, la zuppa di cipolle con crostini, la scaloppina al friggione e la favolosa cipolla fritta, non mancheranno le prelibatezze della tradizione bolognese, come i tortellini, fatti rigorosamente a mano dalle "arzdoure" del paese.
Inoltre in Piazza Baldini, al centro del paese, la Pro Loco dedica un altro stand alla vendita di crescentine e cipolla fritta, oltre che di cipolle sfuse.

Il calendario prevede iniziative culturali, spettacoli di intrattenimento ed eventi sportivi per un sempre più grande e variegato numero di visitatori.
Appuntamento fisso è quello con la risata: ogni anno si avvicendano sul palco grandi esponenti della comicità bolognese e italiana e in questa edizione, nella serata di domenica 27, saranno i comici del Costipanzo Gnu’ a farlo con due ore di spettacolo!
Non mancheranno spettacoli musicali, come quello dell’orchestra Franco Paradise e Claudia Raganella, ed appuntamenti sportivi, con l'attesissima finale del campionato italiano del Monster Trial 2015 Indoor, presso il Palamezzolara.

La Fiera coincide con i festeggiamenti per il patrono San Michele Arcangelo, in onore del quale ci sarà un concerto della Corale S. Michele di Mezzolara, diretta dal Maestro Carlo Ardizzoni.

Mercato degli ambulanti e hobbisti in Via Schiassi e in Via Riccardina.

Per ulteriori informazioni contattare Soverini Angelo al numero 333 5312882 (possibilmente dopo le 19).

Descrizione a cura della ProLoco Mezzolara

La Regione

L’Emilia-Romagna è costituita da due regioni dalla storia intensa: l’Emilia, in cui c’è il capoluogo regionale Bologna e le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Modena, e la regione Romagna con le sue province di Ravenna, Rimini, Forlì-Cesena e una esigua parte dei comuni bolognesi situati a est del torrente Sillaro.
Sul territorio regionale sono presenti due Parchi Nazionali spartiti con la Toscana: Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna ed il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Numerose la fauna e la flora che è possibile osservare in queste aree.
L’Emilia-Romagna è terra di bellezze storiche, naturali e legate alla cucina.
La cucina emiliana è una delle cucine maggiormente richieste dai turisti che vengono a visitare questa terra ricca di interessi di ogni genere.
Biblioteche, Luoghi sacri, Teatri, Abbazie, Musei, Cattedrali… monumenti dal fascino inestimabile che vanno ad implementare una già ricca storia regionale, rendendola sempre più significativa e attrattiva.
In Emilia Romagna è possibile unire l’utile al dilettevole.
Girando per le strade delle sue cittadine si possono incontrare luoghi storici ma anche luoghi in cui poter riassestarsi e fare una pausa gustando i diversi piatti, aperitivi o semplicemente restando ad osservare la bellezza del posto.
Città d’arte e città di mare, in Emilia Romagna il divertimento si accoppia perfettamente con la cultura.

Bologna

Incantevoli paesaggi, tesori artistici di grande rilevanza storica e un continuo fermento culturale: queste le caratteristiche principali della provincia di Bologna, la più popolosa di tutta l’Emilia Romagna.
Fra vaste pianure e morbide colline, il territorio del bolognese è estremamente ricco di punti di interesse turistico. Partendo dalla splendida Bologna, che rappresenta una fra le città più apprezzate dai visitatori del nostro Paese; dinamico e frizzante, il capoluogo della provincia è ricchissimo dal punto di vista artistico.
Fra le bellezze da visitare al suo interno, abbiamo gli antichi portici, che si sviluppano per 38 km fra le vie del centro, il complesso religioso di Santo Stefano, chiamato “le sette chiese”, la piazza Maggiore con la basilica di San Petronio, e le varie torri, fra cui le più celebri sono la Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda.
Oltre alle bellezze artistiche di Bologna, sono inoltre tanti i castelli, i palazzi storici, le ville e le rocche presenti all’interno della sua provincia, come il castello di Bentivoglio e la Rocca Sforzesca di Imola.
E chi si trova nel bolognese per ammirarne le bellezze, non può di certo perdersi le delizie della cucina tradizionale: fra un monumento, un concerto e una visita in un’area naturale protetta, ci si può ad esempio gustare un bel piatto di tagliatelle al ragù!

 

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive