Ferrara, città del Rinascimento

Un viaggio nell'Italia delle corti, dei castelli, delle antiche famiglie nobiliari, tra intrighi e leggende, tra bellezze architettoniche, fossati, mattoni rossi ma anche tanti eventi. La città di Ferrara, patrimonio dell'umanità Unesco insieme al Delta del Po che sfocia nella sua provincia, è uno scrigno di tesori in cui l'impronta medievale e rinascimentale si mantiene inalterata da secoli. Visitare la città, a poco più di mezz'ora di autostrada da Bologna, può essere una scoperta che si carica di atmosfere particolari a seconda del clima: misteriose d'inverno e d'autunno, con le sue nebbie; vitali e verdeggiante in primavera ed estate.

  • Giorno 1

    Il Castello Estense, la Cattedrale e il Ghetto
    Tra i manieri più antichi e meglio conservati dell'Emilia Romagna e d'Italia, spicca certamente il Castello Estense, simbolo della magnificenza della corte dei d'Este, duchi di Ferrara, e della città.
    Situato nel cuore del centro storico di Ferrara, è circondato da un fossato pieno d'acqua deviata dal corso del Po e accessibile attraverso un ponte levatoio che dà sull'omonima piazza e su corso Cavour. Il nucleo originale del Castello risale al 2740200 ma è durante l'età rinascimentale che il maniero si estese, si arricchì e si abbellì per ospitare la corte. Visitando il monumento potrete scoprire le cucine ducali, la Torre dei Leoni, le prigioni, in cui veniva recluso chi si macchiava di reati e congiure contro i duchi di Ferrara prima e il papato, poi. Tra queste, particolarmente famosa è la cosiddetta prigione di Giulio, fratello del duca Alfonso d'Este, che vi fu rinchiuso per oltre 50 anni per aver tramato contro il suo stesso fratello, marito di Lucrezia Borgia.
    Ben altra storia è quella del giardino e della loggia degli aranci, del Camerino dei baccanali di Alfonso II, della Sala dell'Aurora, delle salette dei Giochi e dei Veleni e degli altri ambienti riccamente decorati e affrescati che racchiude il maniero, che ospita spesso anche esposizioni e mostre.

    A pochi passi dal Castello sorge la Cattedrale. Costruita a partire dal XII secolo, rappresenta la cartina al tornasole di tutti gli stili architettonici che si sono avvicendati nei secoli in città. La facciata, concepita in stile romanico, mantiene l'aderenza con il progetto originario soltanto nella parte bassa mentre la parte alta è un inno al gotico. La fiancata, che si affaccia sulla piazza Trento e Trieste, è decorata da due logge con colonnette scolpite, tra cui spicca, in basso, la Loggia dei Merciai, occupata fin dal Medioevo da attività commerciali. Ma ciò che più colpisce, su questo fronte, è l'imponente campanile rinascimentale,in marmo bianco e rosa, un'opera attribuita al genio di Leon Battista Alberti.

    Intorno alla Cattedrale si snoda il centro medievale della città. Passeggiate lungo la suggestiva Via delle Volte, percorrete via San Romano o addentratevi nella cosiddetta area del Ghetto e del Museo Ebraico per scoprire un'altra delle facce di questa incredibile cittadina, sapientemente raccontata in uno dei capolavori della letteratura del Novecento, “Il Giardino dei Finzi-Contini” di Bassani.
    E per cena, regalatevi in una delle tante osterie che si affacciano sul centro i piatti tipici della cucina emiliana locale: dai tortelli di zucca alla salama da sugo, passando per il pane tipico che sembra disegnato più che cotto. Scoprirete sapori autentici e inconfondibili.

  • Giorno 2

    Palazzo dei Diamanti, Schifanoia e le Mura
    Per gli appassionati di arte e cultura, una tappa obbligata a Ferrara è rappresentata da Palazzo dei Diamanti, antica residenza di Sigismondo d’Este, fratello del duca Ercole I. Il suo nome deriva dalle circa 8000 bugne a forma di piramide in marmo bianco e rosa che ricoprono le due facciate e gli conferiscono un'aspetto estremamente originale e unico nel suo genere, che rapisce il visitatore. Oggi il palazzo è un centro museale e ospita la Pinacoteca Nazionale al primo piano e al piano terra lo Spazio espositivo, in cui si svolgono mostre di pregio organizzate da Ferrara Arte.

    A poca distanza, lungo il vecchio tracciato del fiume Po, sorge Palazzo Schifanoia, un vero e proprio gioiello artistico rimasto nascosto almeno fino al 1820, quando cominciarono a riemergere dalle parete le ricche decorazioni di età trecentesca e quattrocentesca. Come suggerisce il nome, il palazzo era il luogo del diletto per la famiglia Estense. Tra gli affreschi spiccano quelli del Salone dei Mesi, considerati una delle pagine più alte del rinascimento italiano.
    Dal 1898 Schifanoia ospita le collezioni dei Musei Civici d’Arte Antica, le cui ricche raccolte sono distribuite nell’ala tardo trecentesca dell’edificio e nelle sale del Quattrocento. Fra queste, un interessante nucleo di ceramica greca, etrusca e romana, la consistente collezione numismatica, gli straordinari codici miniati (come la Bibbia della Certosa decorata da Gugliemo Giraldi), la collezione di avori e quella di bronzi e placchette.

    Ma non c'è solo arte e storia a Ferrara: un percorso che coniuga anche la natura è rappresentato da una visita, o meglio ancora un giro in bici (vero must ferrarese) lungo le antiche mura, che circondano il centro storico per nove chilometri pressoché ininterrotti, costituendo uno dei sistemi difensivi più imponenti del Medioevo e del Rinascimento. Si tratta di un'oasi di verde e di pace, un regalo che la storia e gli Estensi hanno fatto a questa città, in cui il fascino del verde, dei viali alberati, dei campi e dei giardini si unisce alla grandiosità di terrapieni, porte e torrette di vedetta. E se volete vivere un'esperienza ancora più a stretto contatto con la natura, fate un salto al Parco Urbano Bassani. È qui, infatti, che si svolgono alcune delle manifestazioni più attese della città: il Baloon Festival e Vulandra, rispettivamente il festival delle mongolfiere e degli aquiloni.

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Itinerari Preferiti

Tour in auto fra le bellezze del Salento

Fra i luoghi più suggestivi di tutto lo Stivale rientra a pieno titolo tutta l’area del Salento. Un...

Lago Trasimeno, un giorno speciale

La rete sentieristica del Parco del Lago Trasimeno consente di raggiungere a piedi, ma anche a...

La via degli Dei

Amanti del trekking e della mountain bike? L’Appennino Tosco Emiliano è il vostro luogo. Lunghe...

Alla scoperta del Radicchio Rosso e della Marca Trevigiana

Il Veneto è una terra ricca di bellezze ambientali, artistiche, architettoniche...e anche...