Molise selvaggio, i laghi del matese

Confinante con ben tre regioni, tra Abruzzo, Lazio e Puglia, e affacciato sul mare Adriatico, il Molise è la regione più giovane d'Italia.
Gli scorci incontaminati del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise rivelano viste in cui l'aria pura e la natura regalano oasi nascoste a viaggiatori e specie protette. Lungo l’Appennino molisano il turista si può smarrire tra le vie della transumanza, alla scoperta dei caratteristici “tratturi”, i percorsi che da secoli mettono in comunicazione i pascoli della Puglia con quelli molisani, in quello che un tempo era un incessante via vai di greggi.
Per immergersi a pieno in questo microcosmo di usi e tradizioni locali, in cui la storia millenaria ha lasciato le sue tracce in siti archeologici, abbazie e castelli che puntellano il territorio, è fondamentale andare alla scoperta dei piccoli borghi che tramandano usi e costumi, tecniche artigianali e tradizioni ormai scomparse nel resto d'Italia.
Inoltre, un percorso turistico di estremo interesse può essere una visita alle spiagge e al mare molisano, famoso per le acque cristalline e la pulizia.
Infine, ai viaggiatori più curiosi non può sfuggire che una frazione del suo capoluogo, Campobasso, dà il nome al meridiano di riferimento per il fuso orario di gran parte dell'Europa occidentale, denominato Termoli-Etna.

Programma della giornata

Nel Matese si incontrano la rigidità e il cromatismo della roccia calcarea, che piega il territorio in creste e profonde valli, e la malleabilità sinuosa dell'argilla, che degrada fino al mare Adriatico. Questa doppia faccia geologica è legata alla peculiare posizione dell'area, localizzata in una zona sollevata da potenti spinte tettoniche, che hanno generato alcuni tra i fenomeni carsici più evidenti dell'intero Appennino, lasciando tracce evidenti sul territorio, quali grotte, pozzi naturali, cascate, laghi e anfratti ameni.
Il Parco deve il suo nome a uno dei tre laghi del massiccio, la cui vetta più alta è il Monte Miletto, dal quale nelle giornate particolarmente limpide si può vagare con lo sguardo fino alla Maiella e al Gran Sasso.
Scopriamo insieme uno dei territori più selvaggi che l'Italia ci riserva passando una giornata da esploratori.

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Itinerari Preferiti

Lago Trasimeno, un giorno speciale

La rete sentieristica del Parco del Lago Trasimeno consente di raggiungere a piedi, ma anche a...

Alla scoperta del Radicchio Rosso e della Marca Trevigiana

Il Veneto è una terra ricca di bellezze ambientali, artistiche, architettoniche...e anche...

Due giorni ad Assisi: un itinerario religioso sulle orme di San Francesco

Ricca di fascino e di pregio storico-culturale, Assisi (provincia di Perugia) è una fra le mete...

Alla scoperta della Maremma in bici

Nel cuore della Toscana c’è un territorio dove la natura incontaminata, brulla e selvatica si offre...