Parco Nazionale Alta Murgia

Parco Nazionale Alta Murgia

Introduzione

Il Parco Nazionale dell’Alta Murgia è il più grande a livello nazionale, caratterizzato dalle “Praterie su substrato calcareo con stupenda fioritura di Orchidee” e dai “Percorsi substeppici di graminacee e piante annue”.
Vette rocciose, colline, cavità carsiche, ripide discese, pascoli naturali e coltivati, boschi di querce e conifere si mescolano all’insediamento umano caratterizzato prevalentemente da masserie in pietra create per difendersi da attacchi nemici.
L’Alta Murgia è un connubio di storia e natura in cui quest’ultima riesce a coabitare in maniera ottimale con le costruzioni umane senza che queste la possano intaccare.
Un vero e proprio spettacolo vedere la loro vicinanza.
Siti archeologici, infatti, parlano di tombe scavate nella roccia e uno scheletro perfettamente conservato in una delle varie cavità carsiche presenti nel Parco, storie di dinosauri dei tempi antichi e impronte di coloro che vi hanno abitato prima di noi.

Puglia

Nota come il tavoliere d'Italia o il tacco dello Stivale, la Puglia è una regione sfaccettata, punto d'intersezione tra mari, paesaggi e culture.
Come resistere alle sue architetture tradizionali, i trulli che ad Alberobello hanno trovato una “casa” speciale? O alla sua eno-gastronomia famosa in tutta la penisola, tra antiche masserie e uliveti a perdita d'occhio? E come dimenticare le bellezze delle sue coste, dalle spiagge sabbiose di Torre dell'Orso alle scogliere di Santa Maria di Leuca e Otranto, zona di confine tra il blu intenso del mar Adriatico e il cristallino mar Ionio?
La Puglia non termina di stupirci. È una regione che affascina il viaggiatore con la ricchezza del folklore e della musica popolare, dei suoni delle percussioni e degli organetti che risuonano di sagra in sagra, di borgo in borgo, al ritmo della pizzica o taranta.
Regala improvvisi scorci di torri d'avvistamento, per ricordare i tempi in cui le incursioni arrivavano dal mare.
Omaggia i visitatori con i frutti di una tradizione rurale e pastorale che nonostante tutto sopravvive. Riserva perle di bellezza che spaziano dalle architetture barocche di Lecce alle testimonianze più antiche dei fasti magnogreci e romani, fino alle architetture naturali delle Rocche di Altamura.
Inoltre, per gli appassionati di archeologia, in Puglia è possibile seguire un interessante itinerario archeologico, dai luoghi dell'Uomo di Altamura fino alla Cava dei dinosauri.

Barletta-Andria-Trani

La provincia di Barletta-Andria-Trani riunisce 10 Comuni in Puglia. Confina a nord-ovest con la provincia di Foggia, a sud-est con la provincia di Bari, a sud con la provincia lucana di Potenza, mentre è bagnata dal mare Adriatico a nord-est. E' una provincia giovane, istituita nel 2004, primo caso in Italia di provincia il cui nome deriva dall'unione dei tre capoluoghi.
In un territorio caratterizzato da promontori murgiani che scendono verso la Valle dell’Ofanto, il fiume più lungo della regione, è possibile scoprire alcuni dei principali beni culturali pugliesi: castelli federiciani, cattedrali romaniche, dolmen preistorici, pinacoteche e musei di grandissimo rilievo. A partire da Castel del Monte, simbolo dei castelli federiciani in Puglia e inserito dall'Unesco nell'elenco dei beni patrimonio dell'umanità, si prosegue con Trani, splendida cittadina che ospita uno straordinario esempio di cattedrale romanica costruita su tre livelli a picco sul mare.
Sotto il profilo ambientale, una parte dei Comuni della provincia (Andria, Minervino Murge e Spinazzola) ricade nel Parco nazionale dell’Alta Murgia, e un'altra porzione è bagnata per 45 km di costa dall'Adriatico, con acque cristalline e prevalenza di spiagge sabbiose sul litorale a nord di Barletta e coste basse e rocciose a sud, verso Trani e Bisceglie. Particolarmente interessante è, poi, la zona umida delle saline di Marghierita di Savoia, che vanta la presenza di numerose specie di uccelli migratori e, in particolar modo, del fenicottero rosa.

Bari

La provincia di Bari raggruppa 41 Comuni in Puglia. Il territorio, inserito nella zona centrale del Tavoliere e affacciato sul Mar Adriatico, confina a ovest con le province lucane di Matera e Potenza, a nord con la provincia di Barletta-Andria-Trani, a sud con la provincia di Taranto e con la provincia di Brindisi.
Il paesaggio del Barese è caratterizzato dalle Murge, sistema di rilievi che superano anche i 600 metri di quota, con habitat protetti dal Parco nazionale dell'Alta Murgia. Solo l'hinterland barese e la fascia costiera sono pianeggianti, con le spiagge di Monopoli, Polignano a Mare e Giovinazzo a fare la parte del leone in un'area per lo più povera di litorali sabbiosi.
Il turismo del territorio provinciale è quasi del tutto naturalistico e culturale e ruota intorno alle Murge, alle masserie e alle città d'arte, in cui spiccano centri storici ricchi di cattedrali in stile romanico pugliese, tra cui quella di Altamura, Bari, Bitonto, Giovinazzo, Gravina e Ruvo di Puglia, e castelli svevi e normanno-svevi, tra cui quelli di Bari e di Sannicandro di Bari.
Ma l'emblema di questo territorio, universalmente conosciuto, è senza dubbio Alberobello, piccolo borgo famoso per il suo centro storico, interamente costituito dai tipici trulli, edifici a tetto conico che insieme alla Grotte di Castellana sono tra le attrazioni turistiche più apprezzate.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 2 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 2 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 2 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 12