Parco Regionale Colfiorito

Antica armonia tra attività agricole e ambiente naturale, che si svela tra ampi altipiani dalle dolci ondulazioni in cui si alternano ambienti umidi, boschi, pascoli e campi coltivati. I Piani di Colfiorito o altopiani Plestini sono costituiti da sette conche carsiche, occupate in epoche lontane da laghi. La Palude di Colfiorito è attualmente l'unica zona degli altopiani dove l'acqua permane tutto l'anno, subendo solo oscillazioni stagionali di livello. Gli altri piani vengono allagati temporaneamente solo a seguito delle piogge

Introduzione

All’interno dei territori dell’Umbria risiede un piccolo Parco Regionale degno di interesse: il Parco Regionale Colfiorito.
Una superficie di 338 ettari di terreno definiti da Natura 2000 "uno dei migliori esempi di zona umida dell'Italia centrale ed uno dei pochissimi in buono stato di conservazione delle conche carsico-tettoniche appenniniche".
Il paesaggio del Parco comprende diversi tipi di flora, tra cui vegetazione lacustre, palustre, delle praterie, dei pascoli, vegetazione composta da arbusti, di bosco e forestale.
Richiamando la vastità della flora anche la fauna viene espressa come ricca di tantissimi esemplari come insetti, pesci, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi.

Umbria

La particolare morfologia del territorio le conferisce un aspetto inconfondibile, infatti possiamo trovare colline, monti, valli e numerosi corsi d’acqua più e meno ampi.

L’Umbria é l’unica regione italiana a non possedere sbocchi sul mare, compensa questa mancanza con la presenza delle Cascate delle Marmore ,considerate tra le più belle d’Europa.

I panorami che si possono osservare nella terra umbra sono tanti ritratti naturali disegnati sul momento, uno scenario perfetto per gli amanti della natura, dello sport, delle passeggiate e per tutti coloro che vogliono godere di attimi ricchi di tranquillità e bellezza.

L’Umbria non è solo bellezza naturale ma è anche ricca di siti archeologici come quelli etruschi, tra questi si ricordano gli insediamenti di Castiglione del Lago e importantissimi borghi medievali come Assisi, Gubbio e Orvieto.
Proprio ad Assisi possiamo trovare la cittá natale di San Francesco e di Santa Chiara mentre ad Orvieto è possibile osservare la maestosità della sua splendida cattedrale, nonchè palazzo, vicoli tipici ed il famoso pozzo di San Patrizio, monumenti dalle caratteristiche tipiche di una cittadina medievale.
L’Umbria é una regione incantata nella quale trovare storia, bellezza e cultura.

Perugia

Città d’arte, borghi medievali, natura rigogliosa ed eccellenze enogastronomiche: la provincia di Perugia è un vero e proprio concentrato di ricchezza paesaggistica, artistica e culturale.
Basti pensare al capoluogo Perugia, una meravigliosa città, meta di studenti da ogni parte d’Italia ma anche destinazione privilegiata dai turisti della nostra nazione e di tutto il mondo, e non solo per le manifestazioni gastronomiche (una fra tutte l’Eurochocolate). Il suo caratteristico centro storico è uno scrigno di tesori artistici appartenenti a diverse epoche: dalla fontana maggiore, celebre scultura medievale, all’imponente arco etrusco, passando per le mura medievali, per il palazzo dei Priori e per le numerose chiese e musei.
Non è però unicamente Perugia a meritare tutta l’attenzione dei visitatori: all’interno della sua provincia sono infatti molti i comuni a rappresentare delle località turistiche di grande interesse. Fra queste, un posto d’onore è quello occupato dalla città di Assisi, un luogo ricco di storia e spiritualità, che accoglie in ogni periodo dell’anno un esponenziale numero di turisti, principalmente fedeli, da ogni angolo del mondo. Fra le principali attrazioni di questo comune, culla della vita di San Francesco e di Santa Chiara, abbiamo la Basilica di San Francesco di Assisi, la chiesa di Santa Chiara ma anche la Basilica di Santa Maria degli Angeli, che custodisce la meravigliosa Porziuncola.
Oltre ad Assisi, nella provincia di Perugia si possono ammirare comuni e borghi di rara bellezza (alcuni fra questi sono inseriti nel circuito dei borghi più belli d’Italia): ne sono esempio Gubbio, con il suo palazzo dei Consoli e il suo Teatro Romani, Todi, con il suo centro storico medievali, e Spello, noto per la produzione di olio d’oliva.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 3

Cosa puoi vedere