Parco Regionale Dolomiti Friulane

Il Parco Naturale Regionale delle Dolomiti Friulane è inserito nel settore occidentale del comprensorio montuoso che sovrasta l'alta pianura friulana, racchiuso tra i corsi dei Fiumi Tagliamento e Piave. Elevato è il grado di "wilderness" delle sue estese vallate che, prive di viabilità principale e di centri abitati, si addentrano tra vette e torrioni dolomitici. Di notevole importanza è la "biodiversità" (presenze floristiche e faunistiche estremamente varie), favorita dai notevoli dislivelli, dalla particolare posizione geografica e dal clima.

Introduzione

Immergersi all’interno del parco regionale naturale delle Dolomiti Friulane è un po’ come immergersi all’interno di una fiaba: fra il verde acceso dei prati a valle, il bianco della neve e dei ghiacci che si depositano sulle cime più elevate, e i variopinti colori dei fiori che costellano boschi e sentieri, i visitatori si ritrovano in un suggestivo luogo in cui il tempo sembra essersi fermato.
Una natura selvaggia caratterizza il paesaggio del parco naturale delle Dolomiti Friulane, dove accanto alle imponenti vette dolomitiche, che si elevano con guglie e muraglioni a strapiombo, si incontrano ruscelli, laghetti artificiali, cascate ghiacciate, ma anche musei e centri visite.
All’interno del parco, molto interessanti risultano le guglie di Monfalconi, nel cuore della Val Cimoliana: qui possiamo ammirare il Campanile di Val Montanaia, una struttura montuosa, soggetta ad erosione, che si eleva impetuosa fino a oltre 2000 metri.
Esteso per circa 37.000 ettari, il parco delle Dolomiti Friulane offre ai turisti varie attività di relax e divertimento: sci, arrampicate (ecoclimbing e iceland), escursioni, osservazioni scientifiche e un sentiero interattivo dal nome “Erto e i luoghi del Vajont”, che fornisce al visitatore informazioni riguardo il territorio del comune di Erto e Casso e riguardo i luoghi che hanno fatto da cornice drammatica alla catastrofe del Vajont.

Friuli Venezia Giulia

Regione a statuto speciale dell’Italia nord orientale, il Friuli Venezia Giulia ha una storia che la differenzia da tutte le restanti regioni italiane.
Formata prevalentemente dalla regione storico-geografica del Friuli e solo da una piccola parte di Venezia giulia, questa regione non ha limiti ben precisi.
Posta al confine tra etnie linguistiche diverse, come la slava, la latina e la germanica, il Friuli Venezia Giulia è un connubio di etnie e culture nello stesso territorio.
Alpi, Prealpi, colline, pianure, coste, lagni e fiumi fanno di questa regione una delle maggiormente visitate dagli amanti della natura e della quiete.
Varie sono le attrazioni oltre a quelle naturali che ogni anno richiamano a sé numerosi turisti i quali, puntualmente, non possono far altro che guardare le bellezze di questa regione così densamente ricca di cultura e bellezza.
Gorizia, Pordenone e Udine sono le città più note dopo, ovviamente, il capoluogo Trieste.
Tantissime sono le città d’arte in cui poter apprezzare i grandi capolavori monumentali e storici e, perché no, gustarci un buon piatto tipico della cucina friulana.

Udine

La provincia di Udine fa parte della regione Friuli Venezia-Giulia e, considerate le sue dimensioni e il suo cospicuo numero di abitanti (oltre 500000), si configura come la più estesa e la più popolata provincia della Regione.
Il capoluogo Udine è un centro di grande interesse storico, artistico e culturale: al suo interno è infatti possibile ammirare castelli, chiese, importanti teatri e palazzi d’epoca. Fra le più celebri attrazioni della città rientrano il Duomo, la Loggia del Lionello, il Palazzo arcivescovile, il teatro nuovo Giovanni da Udine, la pittoresca piazza Libertà, in stile veneziano, e la via Mercato Vecchio, fra le più antiche e vivaci del capoluogo.
Alle ricchezze artistiche di Udine si accompagna il fascino dei caratteristici comuni della sua provincia, come Acquileia, Tarvisio, Tolmezzo e Lignano Sabbiadoro, rinomata località balneare dell’Adriatico.
Oltre ad esplorare i borghi tradizionali e le opere d’arte del capoluogo, nel territorio della provincia di Udine i turisti hanno la possibilità di “avventurarsi” nella natura incontaminata di parchi ed aree protette, quali il parco naturale delle Prealpi Giulie e il parco naturale delle Dolomiti Friulane, o partecipare alle svariate manifestazioni culturali, musicali ed enogastronomiche del luogo, dove poter gustare le delizie della cucina tradizionale, come la brovada, il musetto, la polenta e il frico.

Pordenone

Fondata nel 1968, la provincia di Pordenone si trova in Friuli Venezia Giulia e conta una popolazione di circa 315000 abitanti.
A livello naturalistico, il territorio di questa provincia può essere suddiviso sostanzialmente in tre grandi zone: una zona prevalentemente montuosa, a nord del capoluogo, una zona collinare al centro e, spostandosi più a sud, un’estesa area pianeggiante.
Centro dell’interesse di gran parte dei turisti della zona sono senza dubbio le meravigliose Dolomiti Friulane, patrimonio dell’umanità UNESCO, ma anche le riserve naturali protette, i boschi, le suggestive grotte, i laghi e i parchi, fra cui il parco letterario Ippolito Nievo e il parco faunistico di Cimolais.
Ma accanto alle innumerevoli risorse naturali, all’interno della provincia di Pordenone c’è anche posto per l’arte e la storia: nel territorio si trovano infatti numerose chiese, abbazie, castelli medievali, pievi, oltre che caratteristici borghi rupestri.
Fra i comuni più noti, Piancavallo, celebre meta turistica, Spilimbergo, San Vito al Tagliamento, Valvasone e, chiaramente, il capoluogo Pordenone, che fa da cornice ad eventi culturali di grande importanza quale il “Pordenonelegge.it”.
Natura, arte, cultura ma anche buona cucina: dalle minestre alle zuf e panada, per soddisfare anche i palati dei turisti più golosi.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 37

Cosa puoi vedere

Diga Del Vajont
  • LAGHI ALPINI
Lago Di Meluzzo
  • LAGHI ALPINI
Diga Sul Lago Di Selva
  • LAGHI ALPINI