Parco Regionale Laghi Suviana Brasimone

Il parco si estende nel settore centrale della montagna bolognese, intorno a due ampi bacini realizzati a partire dai primi del Novecento a scopo idroelettrico. Dal crinale la dorsale formata dal monte Calvi (359.283 m s.l.m.) e dal monte di Stagno si prolunga separando le valli dei torrenti Brasimone e Limentra di Treppio, principali immissari dei due laghi.

Introduzione

In Emilia Romagna, confinante con la Toscana, si estende il parco regionale dei laghi di Suviana Brasimone, un’oasi naturale sviluppata intorno a questi due grandi bacini artificiali, realizzati per il ricavo di energia idroelettrica nei primi del Novecento.
Il territorio del parco si sviluppa attorno alle valli degli immissari principali dei due laghi, ovvero il torrente Brasimone e il Limentra di Treppio, e al dorsale montuoso che si eleva dal monte Calvi al monte di Stagno.
Uno scenario naturale incantevole, dove perdersi ammirando gole, arenarie, radure e folti boschi di querce, faggeti e conifere, e visitando i borghi più caratteristici, come Bargi, Baigno, Badi e Stagno.
Per gli appassionati di sport acquatici ed escursionismo, il parco regionale dei laghi di Suviana e Brasimone offre moltissime opportunità per dedicarsi al divertimento o per rilassarsi qualche ora godendo della pace e del silenzio del luogo: con ben 130 chilometri di percorsi naturali, i visitatori possono scegliere, in base alle proprie esigenze, di percorrere i sentieri prevalentemente pianeggianti o di avventurarsi con le ripide scalate sui monti, oppure possono optare per delle attività di svago sui laghi, come il canottaggio e il windsurf.

Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna è costituita da due regioni dalla storia intensa: l’Emilia, dove si trova il capoluogo regionale Bologna e le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Modena, e la regione Romagna con le sue province di Ravenna, Rimini, Forlì-Cesena e una limitata parte dei comuni bolognesi situati a est del torrente Sillaro.
Sul territorio regionale sono presenti due Parchi Nazionali condivisi con la Toscana: Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna ed il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Numerose la fauna e la flora che è possibile osservare in queste aree.
L’Emilia-Romagna è terra di bellezze storiche, naturali e della tavola.
La cucina emiliana è una delle cucine maggiormente richieste dai turisti che vengono a visitare questa terra ricca di interessi di ogni genere.
Biblioteche, Luoghi sacri, Teatri, Abbazie, Musei, Cattedrali… monumenti dal fascino inestimabile che vanno ad implementare una già ricca storia regionale, rendendola sempre più significativa e ammirevole.
In Emilia Romagna è possibile unire l’utile al dilettevole.
Girando per le strade delle sue cittadine si possono incontrare luoghi storici ma anche luoghi in cui poter riassestarsi e fare una pausa gustando i diversi piatti, aperitivi o semplicemente restando ad ammirare la bellezza del posto.
Città d’arte e città di mare, in Emilia Romagna il divertimento si accoppia perfettamente con la cultura.

Bologna

Incantevoli paesaggi, tesori artistici di grande rilevanza storica e uno stimolante fermento culturale: queste le caratteristiche principali della provincia di Bologna, la più popolosa di tutta l’Emilia Romagna.
Fra vaste pianure e dolci colline, il territorio del bolognese è colmo di punti di interesse turistico. Partendo dalla splendida Bologna, che rappresenta una fra le città più apprezzate dai visitatori del nostro Paese; dinamico e vivace, il capoluogo della provincia è ricchissimo dal punto di vista artistico.
Fra le bellezze da visitare al suo interno, abbiamo gli antichi portici, che si sviluppano per 38 km fra le vie del centro, il complesso religioso di Santo Stefano, chiamato “le sette chiese”, la piazza Maggiore con la basilica di San Petronio, e le varie torri, fra cui le più celebri sono la Torre degli Asinelli e la Torre della Garisenda.
Oltre alle bellezze artistiche di Bologna, sono inoltre tanti i castelli, i palazzi storici, le ville e le rocche presenti all’interno della sua provincia, come il castello di Bentivoglio e la Rocca Sforzesca di Imola.
E chi si trova nel bolognese per ammirarne le bellezze, non può di certo perdersi le delizie della cucina tradizionale: fra un monumento, un concerto e una visita in un’area naturale protetta, non possono mancare un bel piatto di tagliatelle al ragù!

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 3