Parco Regionale Madonie

La flora è la protagonista del territorio del Parco. Questo paradiso botanico e le sue vette che raggiungono i 1.979 metri di quota, ospita oltre la metà delle 2.600 specie presenti in Sicilia e circa 150 dei 200 endemismi. Il più rappresentativo è l'"Abies Nebrodensis" con 29 esemplari.

Introduzione

Il Parco Regionale delle Madonie è un’area di 39.941 ettari nella regione Sicilia, che si suddividiono in quattro zone ben precise:
- A: Zona Riserva Integrale; l’ambiente è perfettamente conservato nella sua integrità. La zona è di particolare interesse per il patrimonio naturale e paesaggistico presenti nel Parco.
- B: Zona di Riserva Integrale; è assolutamente vietata la costruzione di edifici e/o ampliare quelle esistenti nonché ogni opera che vada a danneggiare e modificare il territorio. Anche in questa zona è il patrimonio naturale e dei paesaggi che ne identifica la caratteristica principale, ovviamente inferiore rispetto all’area A.
- Zona C: Zona di Protezione; sono consentite solo le costruzioni, modifiche e migliorie volte alle strutture ricettive-turistiche, culturali e di parcheggio del Parco.
- Zona D: Zona di Controllo; in questa area è possibile fare attività purché non intacchino negativamente il Parco.
Le aree naturali delle Madonie sono prevalentemente quelle montane, per questo gli esemplari di fauna e flora saranno quelle tipiche di queste zone.
Boschi, cespugli, pascoli, piante erbacee ed arbusti presenti nel Parco si legano alla fauna che vede esemplari come volpi, mammiferi di vario genere, insetti, rettili e anfibi.

Sicilia

Terra di mare, di sole, di colori sgargianti e di sapori forti, la Sicilia è una Regione ricca di incanto e suggestione.
Partendo dalle grandi città, come Palermo (capoluogo di Regione) e Catania, e giungendo sino ai piccoli borghi di pescatori, la Sicilia nasconde un prezioso patrimonio: artistico, paesaggistico, storico, culturale ed enogastronomico.
Innumerevoli e diversificati gli itinerari a disposizione dei turisti che scelgono di avventurarsi nel territorio siculo: percorsi legati all’arte e all’antichità, fra i teatri e i resti archeologici, percorsi dedicati agli amanti del mare, fra spiagge incontaminate e acque cristalline, o ancora percorsi culinari, fra pesce, granite, vini, dolci e cibo di strada.
Così, chi si trova in Sicilia può decidere di perdersi fra punti di interesse di grande importanza, come la sontuosa Cattedrale Santa Vergine Maria Assunta di Palermo, il Teatro greco di Siracusa (dove ogni anno si mettono in scena le tragedie greche), gli ori della Cappella Palatina, il Teatro Antico di Taormina o la Valle dei Templi di Agrigento.
Ma può anche fruire di tesori naturalistici, come la Riserva Naturale Orientata delle Saline di Trapani e il Parco dell’Etna, oppure immergersi nel meraviglioso mare delle Egadi o di altre celebri località balneari come Marina di Ragusa e San Vito Lo Capo.
Una ricchezza artistica e paesaggistica che non lascia i visitatori di certo indifferenti. In effetti, tutte le nove province siciliane custodiscono per ogni turista un tesoro da scoprire.

Palermo

In Sicilia nasce la provincia di Palermo, conosciuta ed ammirata in tutto il mondo per le sue bellezze storiche e naturali.
Una provincia di 1.275.598 abitanti ed un’estensione di 4992 km, comprendente 82 comuni che va a classificarsi come la provincia più popolata della Sicilia e la quinta a livello italiano.
I confini della provincia di Palermo vedono a nord il Mar Tirreno, ad ovest la provincia di Trapani, a sud quella di Agrigento e Caltanissetta, ad est Messina ed Enna. Appartiene al territrio alla provincia anche l’Isola di Ustica.
Il turismo che qui si può trovare è uno dei più ricchi, in quanto offre ai suoi visitatori una multitudine di capolavori dell’arte, della cultura e delle bellezze italiane.
Tra i suoi monumenti si ricordano le bellissime e storiche Chiese, come quella di San Cataldo, le regge, i Palazzi e i Teatri come il Teatro Politeama ed il Teatro Massimo.
Una delle mete che caratterizzano la bellezza della provincia è Cefalù, inclusa nel club de “I Borghi più belli d’Italia”.
Nel turismo balneare, invece, si ricordano le zone di Mondello, la stessa Cefalù, Altavilla Milicia.
A Palermo la cultura si unisce al relax, definendo la provincia una delle zone maggiormente richieste dal turismo nazionale ed internazionale.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 12