Parco Regionale Matese

Il Parco Regionale del Matese è stato istituito il 12 Aprile 2002, per salvaguardare uno dei più grandi ed importanti massicci di natura calcarea e dolomitica presenti nella nostra regione. Si estende per 33.326,53 ettari e costituisce una delle zone di maggiore interesse naturalistico e ambientale dell'Appennino centro-meridionale caratterizzando, con la configurazione dei rispettivi versanti, il territorio della Campania - del quale costituisce il limite orientale della piana dell'alto casertano - ed il territorio molisano individuato dalla direttrice Benevento - Isernia.

Introduzione

Il Parco Regionale del Matese protegge uno dei più grandi massicci di natura calcarea e dolomitica presenti in Campania, con confini che si estendono fino al Molise.
Con i suoi circa 33 mila ettari che localizzati a cavallo tra le province di Benevento, Isernia e Caserta, si configura come l'anello naturale di congiunzione tra due mondi geologici e due culture popolari profondamente differenti. Se per quanto riguarda il dato etno-antropologico il riferimento è evidente, sul fronte della natura geologica dei territori è meglio precisare.
Nel Matese si incontrano la rigidità e il cromatismo della roccia calcarea, che disegna creste e profonde valli, e la malleabilità sinuosa dell'argilla, che si allunga fino al mare Adriatico. Questa doppia faccia geologica è legata alla peculiare posizione dell'area, localizzata in una zona sollevata da potenti spinte tettoniche, che hanno dato origine alcuni tra i fenomeni carsici più evidenti dell'intero Appennino, lasciando tracce evidenti sul territorio, quali grotte, pozzi naturali, cascate, laghi e anfratti ameni.
Il Parco deve il suo nome a uno dei tre laghi del massiccio, la cui vetta più alta è il Monte Miletto, dal quale nelle giornate particolarmente limpide si può vagare con lo sguardo fino alla Maiella e al Gran Sasso.

Campania

Situata nell’Italia meridionale e bagnata dal mar Tirreno, la Campania è una regione assolutamente affascinante per per i suoi paesaggi e per le numerose attrazioni artistiche e culturali.
Dominata dalla presenza del Vesuvio, la regione Campania vanta un caleidoscopio di luoghi, colori e scenari naturali ma anche di tradizioni popolari, feste e sagre.
Allegra e vivace, si compone di cinque province: Caserta, Avellino, Benevento, Salerno e infine Napoli, che oltre ad essere il capoluogo è anche il terzo comune italiano per popolazione. Qui, tra monumenti di estrema importanza, come il Maschio Angioino e Piazza Plebiscito, luoghi religiosi, siti archeologici, mercati tipici e bontà culinarie (dobbiamo ricordarvi la pizza), si respira in pieno l’atmosfera gioiosa che caratterizza questa Regione.
Rinomata in tutta la penisola per il clima mite e per le sue località marine. Capri, Ischia, Procida e l’intera costiera amalfitana sono i più noti fra i centri turistici balneari della Campania, e attirano ogni anno un immenso numero di turisti da tutto il mondo.
Mare e sole, dunque, ma anche storia: la regione Campania è infatti al centro dell’interesse turistico non soltanto per i suoi suggestivi scorci paesaggistici, ma anche per via dei siti archeologici, come quelli di Paestum, Ercolano e Pompei.
Zone ricche di cultura che, insieme allo splendore paesaggistico, rendono la Campania una meta turistica dal valore inestimabile.

Caserta

In Campania sorge una delle province più conosciute della regione: Caserta.
Con i suoi 923.000 e più abitanti, confina a nord con il Molise, a nord ovest con il Lazio e ad est con la provincia di Benevento, mentre a sud trova la provincia di Napoli. Caserta lascia, invece, bagnare le sue terre dal Mar Tirreno nel versante sud-ovest.
Il territorio casertano, a nord, è formato dal massiccio montuoso del Matese che va a formare a sua volta gli Appennini.
Montagne di elevata altezza e diverse tipologie di pianure formano la zona montuosa del nord della provincia di Caserta, lasciando spazio nella zona centro-settentrionale a massicci preappenninici.
In questa fascia scorre il fiume Volturno, rilevante per la provincia.
A Caserta la tradizione si sposa con la cultura; è possibile trascorrere giornate all’insegna di visite a bellezze del territorio come la rinomata e bellissima Reggia di Caserta, un palazzo costruito dai Borbone nel 1752, proclamata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
La Reggia, o Palazzo Reale di Caserta, fu inaugurata nel 1780 ed è, ancora oggi, la residenza più grande del mondo con i suoi oltre 2 milioni di m3 ed una superficie di 47.000 m2.
Le bellezze di Caserta racchiude anche quella dei suoi 104 comuni, di cui Aversa, Maddaloni, Marcianise sono solo alcuni tra quelli maggiormente popolati.

Benevento

La provincia di Benevento è situata in Campania e conta circa 184000 abitanti. La sua è una conformazione geografica estremamente singolare: la provincia, infatti, si estende su una grande conca circondata da colline, valli e monti. In particolare, nel lato occidentale della conca si innalza il massiccio del Taburno Camposauro.
Ed è proprio la presenza di questo massiccio a costituire uno degli aspetti più suggestivi e caratteristici dal punto di vista paesaggistico. Osservando dalla città di Benevento le vette di questo monte sembra quasi di trovarsi dinnanzi alla sagoma di una donna distesa; per questo motivo il monte è chiamato anche la “Dormiente del Sannio”.
Oltre ad offrire un incantevole scorcio naturale, la Dormiente del Sannio è nota anche per essere una meta privilegiata per amanti di trekking¸ che possono immergersi nella natura selvaggia del parco Taburno Camposauro e delle altre cime appartenenti all’Appennino Campano.
Chi si trova visitare la provincia di Benevento può poi esplorare le varie bellezze artistiche e architettoniche, come ad esempio la cattedrale di Santa Maria de Episcopio, ovvero il duomo di Benevento, ma anche vari comuni di interesse turistico come Telese Terme, meta per vacanza all’insegna della salute e del benessere, o Pietralcina, dove si può visitare la casa natale di Padre Pio.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...