Parco Regionale Rocchetta Tanaro

Il valore naturalistico del parco è rappresentato dal bosco: un querceto misto in cui le specie dominanti sono il rovere, la farnia e il cerro. La presenza di quattro specie di Quercus, favorisce la formazione di numerosi ibridi e di forme intermedie di difficile assegnazione sistematica. Di una certa importanza per le attività antropiche il castagno e la robinia utilizzati come legna da ardere, ma un tempo soprattutto per le palature delle vigne. La presenza del faggio rappresenta un residuo delle faggete diffuse su tutta la zona al termine dell'ultimo periodo glaciale. Nel sottobosco si trovano il nocciolo, l'edera e il caprifoglio.

Introduzione

Nella Regione del Piemonte vi è un Parco che attrae tantissimi turisti ogni anno per la straordinaria bellezza della natura che si può visitare.
Peculiarità del Parco Regionale Rocchetta Tanaro è il bosco che riveste la sua superficie di 123 ettari; esemplari di rovere, farnia, castagno, faggio, nocciolo, edera, caprifoglio, cerro sono i caratteristici della zona.
La zona del Parco, oltre a ricchi esemplari di vegetazione offre numerosissimi esemplari animali: cinghiale, volpe, scoiattolo, moscardino, donnola, numerosi volatili nidificanti ed il tasso che è diventato simbolo del Parco.

Piemonte

Il Piemonte è la terra delle mille risorse.
Con i suoi 160.000 ettari di aree protette, il territorio piemontese si suddivide tra montagne imponenti, pianure e colline dando la possibilità di conoscere habitat diversi racchiuso nello stesso territorio.
Le alte vette sono meta ambita tra coloro che amano praticare sport invernali, a questo proposito in Piemonte sono numerosi gli impianti sciistici che permettono agli appassionati di potersi dilettare anche nelle piste più estreme.
Spostando lo sguardo, oltre il bianco candido della neve invernale, è possibile trovare pianure e colline che vanno a completare il panorama di questa incredibile regione, dall’incredibile varietà e bellezza.
Torino, capoluogo regionale, con i suoi abitanti è il quarto comune per popolazione in Italia andando a costituire il terzo pilastro economico-produttivo italiano.
Numerose sono le attrazioni che ogni anno attirano i turisti a visitare Torino, patria della storia, della cultura e della cucina italiana.
Chiese, teatri, università rinomate, parchi e musei sono tra le mete più ambite del capoluogo piemontese lasciando sempre, però, spazio anche alle altre innumerevoli bellezze del Piemonte racchiuse all’interno delle sue città come Alessandria, Cuneo, Asti, Novara, Biella e molte altre.
Non dimentichiamo che in Piemonte sono inoltre presenti due Parchi Nazionali: il Gran Paradiso e la Val Grande.
In Piemonte la storia è in perfetta armonia con l’alta tecnologia presente all'interno delle industrie, l’arte, la cultura, la cucina prelibata e l’artigianato pregiato fanno da sfondo a paesaggi dalla bellezza unica che ogni anno ospitano numerosi turisti che arrivano da ogni parte del.

Asti

La provincia di Asti include 118 Comuni piemontesi. Confina a nord-ovest con la provincia di Torino, a est per soli 3 km con la provincia di Alessandria, a sud con la provincia ligure di Savona e a ovest con la provincia di Cuneo.
Asti, il Monferrato, le Langhe sono terre ricche di storia, cultura, bellezze naturali ed enogastronomia. In quest'area si può godere della serenità di una paesaggio incantato, con soggiorni in totale relax in accoglienti alberghi di campagna, agriturismi e bed & breakfast in cui ritrovare il contatto con la natura, assaporare i frutti della vita di campagna e visitare le più importanti e belle città del Nord Ovest italiano. Merito della posizione dell'Astigiano, incastonato nel cuore del Piemonte, che consente vari itinerari turistici: da Asti alle Regge Sabaude, ai laghi, alle Alpi olimpiche, al mare, alla capitale della Moda. Tutte mete raggiungibili in poco più di un’ora.
Per chi, invece, vuole immergersi nell'enogastronomia tipica di questi territori, non mancheranno le occasioni per degustare, in piccoli e antichissimi borghi, i sapori della bagna cauda o l'aroma raffinato dei piatti a base di tartufo bianco, perle di una tavola ricca e genuina, innaffiata dai grandi vini di queste terre.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 1

Cosa puoi vedere