Parco Regionale Sassi Roccamalatina

Dal fondovalle del Panaro l'Area Protetta risale i versanti tutelando un significativo esempio di paesaggio collinare ricco di storia, natura e religiosità. Nel Parco svettano le guglie dei Sassi: spettacolari rupi arenacee che, per la maggiore resistenza all'erosione, dominano il territorio circostante. Le pareti verticali ospitano una ricca flora rupestre oltre alla nidificazione del Falco pellegrino. Nel Parco la ricca varietà di ambienti naturali fa da cornice alla austera Pieve di Trebbio e ai numerosi piccoli Borghi di origine medioevale risalenti all'epoca dei Malatigni, famiglia nobile dell'epoca.

Introduzione

In Emilia Romagna, precisamente in provincia di Mantova, sorge il Parco Regionale Sassi Roccamalatina, area protetta di 2.300,17 ettari di cui 143 sono proprietà pubblica ed il restante proprietà privata.
Il territorio è quello pre-appenninico alternato a colline adibite al pascolo in cui è possibile scorgere castagneti, viti e frutteti.
Sul paesaggio sorgono tre guglie in arenaria, utilizzate nel tempo come fortificazioni attorno alla Pieve di Trebbio in cui vennero costruiti insediamenti in epoca etrusca.
Il Parco è colmo di borghi rurali e fortificazioni medievali ma non manca di esemplari vegetativi quali il carpino, la rovella, l’acero ed il cerro che insieme all’orniello, al sorbo, al ginepro, biancospino ed al sanguinello compongono la flora della zona.
Il mondo degli animali che qui regna è contraddistinto dal gambero di fiume, dal falco pellegrino, dal gheppio, poiana, sparviero, lodolaio, picchio, scoiattolo, ghiro, moscardino, tasso, volpe, donnola e faina.

Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna è costituita da due regioni dalla storia intensa: l’Emilia, dove si trova il capoluogo regionale Bologna e le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Modena, e la regione Romagna con le sue province di Ravenna, Rimini, Forlì-Cesena e una limitata parte dei comuni bolognesi situati a est del torrente Sillaro.
Sul territorio regionale sono presenti due Parchi Nazionali spartiti con la Toscana: Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna ed il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Numerose la fauna e la flora che si possono incontrare in queste aree.
L’Emilia-Romagna è terra di bellezze storiche, naturali e della tavola.
La cucina emiliana è una delle cucine maggiormente richieste dai turisti che vengono a visitare questa terra ricca di bellezze di ogni genere.
Biblioteche, Luoghi sacri, Teatri, Abbazie, Musei, Cattedrali… monumenti dal fascino inestimabile che vanno ad implementare una già ricca storia regionale, rendendola sempre più significativa e attrattiva.
In Emilia Romagna è possibile unire l’utile al dilettevole.
Girando per le strade delle sue cittadine si possono incontrare luoghi storici ma anche luoghi in cui poter riassestarsi e fare una pausa gustando i numerosi piatti, aperitivi o semplicemente restando ad osservare la bellezza del posto.
Città d’arte e città di mare, in Emilia Romagna il divertimento si accoppia perfettamente con la cultura.

Modena

InEmilia Romagna, sorge la provincia di Modena, seconda per numero di abitanti dopo Bologna.
La provincia di Modena confina a nord con la regione Lombardia (Mantova), ad est con le province di Ferrara e Bologna, a sud con le province toscane di Lucca e Pistoia e, a ovest, con quella di Reggio Emilia.
Modena è particolarmente rinomata per le alte prelibatezze culinarie che si possono assaggiare sul suo territorio, esempi noti sono il Parmigiano-Reggiano, il prosciutto di Parma, la mortadella, lo zampone, lo gnocco fritto, l’aceto balsamico, il vino…
Il territorio provinciale è suddiviso in 3 zone differenti, quali quella pianeggiante, quella pedemontana collinare e quella montana.
Modena è meta richiesta da coloro che amano assaporare sapori locali ma anche da coloro che sono appassionati di cultura e storia, infatti nella zona è possibile visitare musei e monumenti che racchiudono un pezzo di storia del luogo e d’Italia.
Esempi di queste bellezze culturale e storiche sono il Palazzo Ducale, Piazza Grande, Torre Ghirlandina e le note sale storiche del Palazzo Comunale.
Numerose sono anche le mostre che annualmente si svolgono in questa provincia emiliana.

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 5

Cosa puoi vedere