Parco Regionale Serre

Le Serre costituiscono un gruppo montuoso piuttosto complesso di elevata valenza paesaggistico-naturale, che si salda a Sud con il massiccio montuoso dell’Aspromonte. Si tratta sul piano geomorfologico di due lunghe e opposte catene montuose (Monte Covello, Cucco e Monte Pecoraro) che corrono quasi parallele lungo la catena degli Appennini. La natura geologica delle Serre è essenzialmente cristallina con presenza diffusissima di graniti, porfidi, serpentini, dioriti quarzifere ecc., ben evidenti dai culmini più elevati fin nei tratti finali dei corsi d’acqua.

Introduzione

Esteso su un territorio di 17.687 ettari, il Parco naturale regionale delle Serre si trova in Calabria, fra la Sila e l’Aspromonte, e coinvolge tre province: Reggio Calabria, Catanzaro e Vibo Valentia.
La sua morfologia è particolare e variegata: si passa da vallate a zone montuose, da tratti pianeggianti a caratteristiche conche (come quelle dell’alta valle dell’Ancinale), che risalgono ad antichi bacini lacustri.
Insieme ai suggestivi boschi, tra cui quello di Stilo, si snodano all’interno del territorio del parco regionale delle Serre anche vari torrenti che generano meravigliose cascate. Fra queste la splendida cascata del Marmarico, appartenente al comune di Bivongi, e la cascata di Pietra Cupa sulla fiumara Assi agro di Guardavalle.
Il territorio del parco è ricoperto principalmente di macchia mediterranea, vegetazione arbustiva, spazi destinati al pascolo e all’agricoltura. Infine, per quanto riguarda la fauna riscontriamo il lupo, il gatto selvatico, l’istrice e il cinghiale.

Calabria

Stretta e aspra circondata dal mare e protesa verso il cielo con i massicci del Pollino, della Sila e d'Aspromonte, la Calabria è l'estrema regione meridionale della penisola italiana e ultimo punto di affaccio sulla Sicilia, da cui la separa lo Stretto di Messina, che nel punto più vicino all'isola dista appena 3,2 km.
Classificare con precisione questa regione è impossibile. Forse solo la sua particolarissima conformazione ci riesce: la Calabria è l'estrema regione meridionale e ne racchiude tutte le diversità e le contraddizioni. È una terra di mare, lambita com'è su due fronti dal placido mar Ionio e dall'impetuoso mar Tirreno, che hanno plasmato un litorale ricco di spiagge di sabbia fine e ciottoli, l'uno, e scogliere impervie a proteggere calette strappate al mito, l'altro.
La Calabria è anche montagna, una zona ricca di anfratti selvaggi e cascate, laghi da cartolina e boschi, dove la natura incontaminata delle cime incontra il fascino delle leggende e regala oasi di pace quali solo i monasteri bizantini e le certose sanno essere.
In Calabria, tra un mare dai colori cangianti e i sapori piccanti e genuini della cucina regionale, i viaggiatori potranno assaporare le antiche testimonianze di una regione che è stata porto di culture e popoli, teatro di correnti filosofiche, guerre e terremoti che hanno impresso il loro marchio indelebile sulle architetture e su un territorio che è e resta tutto da scoprire.

Catanzaro

Calabria, terra di bellezza naturale, storica ed enogastronomica.
In terra calabrese sorge la provincia di Catanzaro, quasi 365.000 abitanti e 80 comuni presenti sul suo territorio.
2.391 sono i km² che occupa la provincia di Catania su territorio regionale, confinante ad ovest con il Mar Tirreno, ad est con il Mar Ionio, a nord con la provincia di Cosenza, nord-est si trova Crotone, sud Reggio Calabria e a sud-ovest si trova la provincia di Vibo Valentia.
Nella parte centrale del territorio si trova l’istmo di Catanzaro, una lunga e stretta valle della lunghezza di 30 km che unisce il Golfo di Squillace e quello di Sant’Eufemia.
Sul territorio sono presenti bellezze da visitare assolutamente almeno una volta nella vita, come la città di Soverato, nota per il piccante e buonissimo peperoncino e la mondanità dei suoi locali; la città di Lamezia Terme, punto strategicamente forte in epoca antica per la difesa del territorio e sede di numerosi siti archeologici, nonché meta turistica per la visita alle Grotte di Caronte.
In questa città storia e cultura sono le due principali abitanti.
A Catanzaro sono molte le bellezze che si possono incontrare, da quelle storiche a quelle naturali, certamente è un territorio che non lascia tempo di annoiarsi ai numerosi visitatori che ogni anno accorrono a visitarla.

Reggio di Calabria

Reggio di Calabria
La provincia di Reggio Calabria, punta meridionale dello Stivale, comprende 97 Comuni della Calabria. Confina a nord-est con la provincia di Catanzaro, a nord-ovest con Vibo Valentia, è circondata a ovest dal Mar Tirreno e a est dal Mar Jonio che si abbracciano nello Stretto di Messina, confine d'acqua (nel punto più stretto 3,2 km) con la siciliana Messina.
La peculiare posizione del Reggino, al centro esatto del Mare Nostrum, fa di questo territorio il cuore del Mediterraneo. Un cuore plasmato nell'Aspromonte e accarezzato da un mare onnipresente, cinto da spiagge che si allungano verso la Sicilia e si ricoprono spesso di nera polvere lavica dell'Etna, che regala panorami mozzafiato.
Quella reggina è una provincia ricca di contraddizioni, dai colori violenti e dai profumi inebrianti, in cui si mescolano il gelsomino della riviera jonica (nel secolo scorso nota come la Riviera dei Gelsomini), l'origano delle balze aspromontane e gli odori degli agrumi e del bergamotto, che fruttifica solo qui ed è la base naturale di ogni profumo.
Ogni porzione di territorio qui è un mondo a parte. Nell'Area Grecanica, lungo la costa jonica, tra paesaggi e borghi strappati al tempo, si è conservata una lingua che discende dai Bizantini. Nella Costa Viola, bagnata dal Tirreno, mito e tradizione si incontrano a Scilla, dove feluche solcano ancora il mare popolato dai mostri che uccisero i compagni di Ulisse per tramandare l'epica della caccia al pescespada. Nella Piana di Gioia Tauro, tra distese di ulivi secolari e agrumeti. Infine a Reggio, “casa” dei Bronzi di Riace e del lungomare che D'Annunzio definì “il chilometro più bello d'Italia”.

Vibo Valentia

La provincia di Vibo Valentia include 50 Comuni calabresi. Affacciata sul mar Tirreno a ovest, confina a nord-est con la provincia di Catanzaro e a sud-est con la provincia di Reggio Calabria.
Risalgono al mito ellenico di Persefone, simbolo delle stagioni e della supremazia della vita sulla morte, le radici millenarie della provincia vibonese, vero e proprio scrigno di storia, cultura e natura, dove alla bellezza selvaggia dei luoghi si contrappone la consapevolezza culturale di un passato ancestrale. Innumerevoli gli itinerari turistici possibili in questa terra in bilico tra le suggestioni cromatiche del suo mare color cobalto e dei verdeggianti altopiani su cui svettano i monti delle Serre.
La sua posizione, incuneata tra il Golfo di Sant’Eufemia a settentrione e il Golfo di Gioia Tauro a meridione, regala al Vibonese un'estate lunga quasi otto mesi, la stagione di Proserpina, appunto, che secondo il mito viveva quattro mesi d'inverno nell'Ade prima di ritornare alla terra e alla vita con le fioriture della primavera.
Partendo da Vibo, ombelico culturale della provincia, come non restare affascinati di fronte alla bellezza della Costa degli Dei, un'area che alterna rocce frastagliate e insenature a spiagge sabbiose a perdita d'occhio, lontane dalle rotte del turismo di massa? Tra Pizzo – con il suo antico castello angioino-aragonese che fu testimone della fucilazione del cognato di Napoleone Bonaparte, Gioacchino Murat – e le località balneari più rinomate ella regione, Tropea e Capo Vaticano, c'è solo l'imbarazzo della scelta!

Menu

Condividi

Offerta rivolta alle strutture ricettive
Offerta rivolta alle strutture ricettive

Ultime Notizie

Ferragosto a Pieve: il Palio dei Terzieri 1 - Anni fa

Nella settimana di ferragosto, precisamente dal 10 al 21 Agosto, si svolgerà nella Città della...

Parma: protagonista della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia 1 - Anni fa

In occasione della 20* Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia, Bologna 27-29 Maggio 2016...

Montemerano: un vero gioiello della Maremma 1 - Anni fa

Montemerano è una frazione del comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Forse di origini...

Punti di interesse: 3